Blur ti consente di eseguire ricerche in privato su Google

Ricerca Google è senza dubbio il motore di ricerca più popolare a livello globale. È il principale motore di ricerca, spesso con una quota di mercato pari o superiore al 75%, nella maggior parte dei paesi.

Ci sono solo pochi paesi, Cina o Russia ad esempio, in cui Ricerca Google non è il motore di ricerca dominante.

Se ti piace utilizzare la Ricerca Google ma sei preoccupato per la privacy, hai un paio di opzioni per affrontarlo.

Puoi passare a un motore di ricerca che utilizza i risultati di Google ma offre una migliore privacy, Pagina iniziale viene in mente o utilizza invece server proxy o reti private virtuali.

L'estensione del browser Blur, precedentemente nota come Do Not Track, offre un'altra opzione. Ti consente di utilizzare la Ricerca Google come faresti normalmente ma impedisce che le ricerche, gli indirizzi IP oi clic sul sito possano essere collegati tra loro e collegati a te.

Nota : Prima di poter utilizzare Blur è necessario crea un account sul sito aziendale (Abine). L'ultimo download dell'estensione diventa disponibile per Chrome o Firefox dopo la registrazione. (Puoi scaricare le estensioni direttamente su Mozilla e Cromo negozi web ma almeno sul sito Mozilla, non è l'ultima versione che viene offerta)

blur

Potrebbe essere necessario abilitare la ricerca privata nell'interfaccia Blur prima di poterla utilizzare su Google. Per farlo clicca sull'icona dell'estensione nel browser e seleziona le impostazioni dal menu che si apre. Fare clic sulle impostazioni per tutti i siti e assicurarsi che la protezione della mia ricerca sia abilitata lì.

Quando visiti Google Blur evidenzia che è abilitato sul sito. Vedi l'icona Sfocatura nella parte superiore del campo di ricerca e verifica che le tue ricerche siano rese anonime dall'azienda.

blur search

Anche la pagina dei risultati di ricerca lo evidenzia e noterai che rimani su Google.

Ho chiesto ad Abine della loro implementazione per capire meglio come funziona. Secondo l'azienda, i server privati ​​vengono utilizzati come proxy quando gli utenti effettuano una ricerca sul sito in modo che l'indirizzo IP dell'utente che esegue la ricerca su Google non venga rivelato.

Inoltre, anche i cookie e gli interpreti vengono sostituiti in modo che non perdano informazioni.

Abine mi ha assicurato che non tengono registri che possono essere associati agli utenti. Ciò include l'indirizzo IP e altri dati.

Blur ha molto di più da offrire oltre a questo, tra cui la generazione sicura di password, il mascheramento delle e-mail e il blocco dei tracker. Puoi saperne di più sull'estensione sul sito web dell'azienda.

Mi atterrò a Startpage come il mio motore di ricerca numero uno, ma se preferisci il vero affare su Google, Blur potrebbe essere un'opzione per te se sei preoccupato per la tua privacy.