Perché dovresti sempre disconnetterti da Gmail

Lascia che ti racconti una storia. La storia di una persona che ha un account Gmail e un dominio registrato a suo nome. Quella persona controlla regolarmente Gmail per nuove email e utilizza lo stesso browser per visitare anche altri siti Web e servizi.

È comodo rimanere collegati poiché non è più necessario digitare la password o l'indirizzo e-mail quando torni a Gmail per controllare la presenza di nuovi messaggi. Forse Gmail è sempre aperto in un'altra scheda per un ulteriore comfort.



Durante una vacanza in India, la persona ha ricevuto alcune notifiche inquietanti sul suo dominio da alcuni dei suoi amici. Il sito Web non si caricava più, ma reindirizzava tutti i visitatori a un nuovo sito Web che apparentemente non aveva alcun collegamento con il dominio originale.

Ha indagato sulla questione e ha scoperto che non era più il proprietario del nome di dominio che era il suo nome dot com. In primo luogo ha pensato che il dominio potesse essere scaduto, ma subito dopo ha scoperto che era stato utilizzato un hack di Gmail per cambiare il proprietario del nome di dominio.

Funziona così. Se rimani connesso a Gmail e visiti un sito Web preparato in seguito, l'elenco dei filtri di Gmail può essere modificato. In questo caso, tutte le e-mail dal provider del dominio sono state inoltrate a un altro account di posta e successivamente eliminate su Gmail in modo che il proprietario dell'account non potesse ricevere informazioni su di esso o inciampare sul sito.

La nuova richiesta di password è stata inoltrata all'hacker che è stato quindi in grado di avviare il trasferimento del dominio dal webhoster.

Poiché tutte le e-mail relative al trasferimento sono state immediatamente reindirizzate ed eliminate, la vittima non aveva idea di cosa stesse succedendo. L'unica possibilità sarebbe se avesse effettuato l'accesso al sito web dei webhoster e avesse dato un'occhiata ai ticket che erano stati creati per trasferire il dominio.

Puoi leggere la versione lunga su David arey Sito web. Apparentemente questo buco è stato risolto, ma i filtri che sono stati impostati in precedenza possono ancora essere a posto. Se usi Gmail dovresti controllare i tuoi filtri al più presto e assicurarti che non siano stati alterati in alcun modo.

Poiché questo probabilmente non è l'ultimo buco di sicurezza, dovresti assicurarti di disconnetterti sempre quando hai finito.

Un'altra possibilità sarebbe quella di utilizzare un programma di posta elettronica come Thunderbird.

Lo stesso vale per l'accesso agli account sui sistemi di computer locali. Se è necessario eseguire l'accesso, è meglio assicurarsi che le informazioni non vengano memorizzate dal browser Web e di disconnettersi al termine e svuotare anche la cache e i cookie per essere al sicuro.